San Leo sorge su un masso roccioso con pareti a strapiombo, nella Val Marecchia, nella regione Marche, a 583/639 metri s.l.m.. Al paese si accede attraverso un'unica porta larga tre metri e una strada tagliata nella roccia. Nel IV secolo fu evangelizzata da San Leone. Caduto l'impero romano, venne contesa tra Goti e Bizantini, Longobardi e Franchi. Nel 963 Berengario II la elesse capitale d'Italia, e subì per parecchi mesi l'assedio di Ottone I°, imperatore tedesco. Intorno al 1200 ebbe inizio la signoria dei conti di Montefeltro che, divenuti poi duchi di Urbino, tanta parte ebbero nello sviluppo della civiltà rinascimentale. Nel 1631 il territorio passò allo Stato Pontificio. La rocca, cessata la sua funzione militare, venne utilizzata come carcere. In essa finì i suoi giorni anche Giuseppe Balsamo, conosciuto come Conte di Cagliostro, figura enigmatica e affascinante. Ospiti del paese furono Dante Alighieri e San Francesco che qui ebbe in dono il Monte della Verna nel 1213.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



www.000webhost.com